Tag

, , , , , , , , , , , ,

Una domenica sera che più di merda non si può, che si prolunga nel lunedì, con un mal di testa lancinante che non mi fa capire una mazza di quello che scrivo e, spessissimo, di quello che leggo. Ma ieri sera mica male.

Sua Maestà
L’intervista pre-partita di Amedeo Goria al re di Spagna, che  ti dice che siamo amici però qui stiamo per vincere e sconti non se ne fanno (e uno lo applaudirebbe già solo per questa sua serena faziosità).  E Amedeo Goria che un po’ parla l’ispanoitaliano di molti di noi, quelli del colonnello Segundo Navarro di Alto Gradimento, e poi si inchina alla fine dell’intervista. Si in-chi-naaaa! (dite che si inchina poco? però si inchina)

La coppia impossibile
Civoli e Bagni – si può dire ora che hanno finito il loro compito ? – sono la coppia più disastrosa del giornalismo sportivo di sempre. Bagni è stato un grande calciatore, ma in quanto a commenti, cambi mestiere. Civoli… va be, va, siamo buoni, dai, che tanto col campionato torna Caressa.

La sindrome Gattuso
La sera di Russia-Olanda a Dossena che commenta la partita esce la frase: amo quei calciatori che… (e parla di una caratteristica tecnica). Segue lungo silenzio. Poi: “oh, amo in senso calcistico eh (risatina). E’ la sindrome Gattuso-Moggi, nel calcio italiano anche un verbo che significa proprio quello che uno vuole dire diventa un sospetto sessista di frocità da allontanare. Se tanto mi dà tanto, Dossena starà pensando che gli spagnoli ci hanno inculato.

La sindrome Luca
Leggo qui che Luca Sofri è nella direzione del Pd, tra le personalità indicate dal segretario. Insomma dirige il partito per il quale ho votato. Mi fa piacere, continuo a pensare che ognuno di noi dovrebbe fare, a un certo punto della sua vita, un po’ di politica perché così’ capisce un sacco di cose: la politica in posti di responsabilità aiuta ad abbandonare quell’atteggiamento, tipico dell’adolescenza, per cui si insegna al mondo a stare al mondo (col rischio di imparare ad usare la politica come sfollagente per fare gli affari propri). Ne sono certo: Luca aiuterà il Pd ad essere il partito che non lo era

Annunci