Tag

, ,

Indipendentemente dall’episodio, queste sono scenate.

1) Sembra che il presunto stupratore sia libero per sempre. No, è libero fino a che non è finito il processo (se viene riconosciuto colpevole) che è la condizione NORMALE per qualsiasi reato di rilevanza penale nel nostro stato. Non è ECCEZIONALE che uno in attesa di un processo sia in carcere, ma non rappresenta la normalità, anzi. Inoltre non ha senso indignarsi perché una persona non passa due mesi in carcere, se poi in caso di condanna va fuori dopo due settimane.

2) Uno può aver fatto una strage, ma se non ci sono elementi tali da far supporre fuga, inquinamento delle prove, reitarazione del reato e altri parametri la persona è libera fino alla fine del processo. Questa è la legge, e non ci vedo nulla di male. La pena la si sconta DOPO aver ricevuto il giudizio.

Sulle motivazioni espresse dal GIP, non mi esprimo perché non ho alcuna cartella clinica né altri elementi che possano permettere di farmi arrivare ad una qualche conclusione.

P.S. Prima che mi si accusi di essere pro-stupro, che non capisco un C, che mi dovrei vergognare ed altro ancora, preciso che per me lo stupro rappresenta uno dei reati peggiori dell’essere umano. Perché non fa solo danni fisici, ma anche psicologici. Danni ben peggiori, che non si potranno mai riparare.

Annunci