Tag

, , , ,

Frattini critica la stampa “disonesta” inglese. Vale a dire il Financial Times (filo-conservatore), universalmente riconosciuto come “il quotidiano più autorevole d’Europa”, che critica aspramente il nostro premier, assieme al Guardian (filo-laburista).

Tralasciando la vaccata di criticare i giornali inglesi, il punto è anche un altro. Wall Street Journal (unico concorrente serio del Financial Times, come autorevolezza) è cattiva stampa? All’epoca quasi nessuno l’ha detto, ma anche il WSJ criticò il premier, nel particolare per la gestione del caso Alitalia e delle mancate riforme nella politica economica in generale (guardare qui e qui per i dettagli).

Ora, Frattini si prepari alla bufera. Insultare i giornali anglo-sassoni è come scavarsi la fossa da soli e l’ha “scoperto” Sarah Palin, che dopo averli offesi dicendo che offrivano troppo spazio ad Obama si è ritrovata nella merda fino al collo con un indagine per abuso d’ufficio piazzata in prima pagina dalla stampa americana. Se mi domandate chi comanda negli USA la risposta è ovvia: la stampa. Sia cartacea che via web.

Volevo, poi, porre una domanda a tutti quanti. Frattini parla di risultati del lavoro svolto dal governo italiano che “sono sotto gli occhi di tutti”. Non voglio fare ironia o solite domande di rito, però qualcuno mi può dire cosa ha fatto? Ripeto, è una domanda seria, voglio saperlo. Scrivete tutto quello che la squadra di Berlusconi ha fatto, grazie!

Annunci