Tag

, , , , , ,

Berlusconi e Obama a L'Aquila (Afp)Per i vari vertici del G8 sparsi nel mondo, la Casa Bianca usa dare ai giornalisti americani accreditati un dossier con le cartelle biografiche dei premier che parteciperanno al vertice. Memorabile quello dell’anno scorso in Giappone dove “l’amico Bush” fece consegnare ai giornalisti una nota biografica di Berlusconi alquanto inusuale: «è uno dei leader più controversi nella storia di un Paese conosciuto per la corruzione e il vizio del suo governo […] un dilettante della politica che aveva conquistato la sua carica importante solo mediante l’uso della sua notevole influenza sui media nazionali […] accusato di corruzione, estorsione e altri abusi di potere che lo costrinsero a dimettersi nel 1994. […] aveva cominciato a fare soldi organizzando spettacoli di burattini a pagamento e faceva i compiti di scuola ai compagni di studi in cambio di denaro […] iscritto alla sinistra loggia massonica P2 che aveva creato uno Stato dentro lo Stato».

Vibranti le proteste dell’entourage del presidente del Consiglio i quali richiesero – ed ebbero – le scuse ufficiali degli Stati Uniti. Mai Berlusconi si sarebbe aspettato un altro colpo basso dall’amministrazione americana, soprattutto dopo i baci e gli abbracci con Obama.

La nota biografica su Berlusconi per il vertice in Abruzzo questa volta contiene la data e il luogo di nascita, la nazionalità, la professione, l’ultima vittoria elettorale e la data d’inizio del nuovo governo. Per un totale di sette-righe-sette.

Berlusconi per Obama vale la bellezza di sette righe informative. Al contrario del Presidente Napolitano che può contare su tre intere pagine, e del Papa di cui sono state riportate ben quattro pagine della biografia ufficiale pescate dal sito della Santa Sede.

Chissà come avrà reagito il premier vedendosi superato perfino dal “comunista” Napolitano!

Naturalmente a Berlusconi gli abbracci di Obama gli verranno pagati a parte… un rigo basta?

Annunci