Tag

, ,

Anche oggi sulle prime pagine dei giornali l’attacco, purtroppo mortale, di un gruppo di cani randagi ad un bambino di sette anni. Tutti dicono “un nuovo attacco”, io invece commenterei con “tragica difesa”. Tra i tre cani, c’era un cagna che aveva appena partorito. Provate ad avvicinare anche una gatta che ha appena avuto i cuccioli, diventa una macchina da uccidere, a meno che non vi conosca da tempo, c’è poco da fare.

Non è certo una scusante per il proprietario o il responsabile dei cani, dico solo che non è un semplice caso di randagismo, qui c’è anche altro.

Annunci